Cavalcata dell'Assunta Città di Fermo » La Rievocazione Storica più antica d'Italia A.D. 1182
Associazione Cavalcata dell'Assunta Corso Cavour, 32 Palazzo Trevisani Fermo 63900 - Tel & Fax: +39.0734.225924 » info@cavalcatadellassunta.it

 

La Città di Fermo
Storia della Cavalcata
Lo Statuto
I Documenti Storici
Le Dieci Contrade
La Pagina Miniata
Albo D'oro della Cavalcata
I Drappi della Cavalcata
Investitura Dei Priori
Tratta Dei Barberi
Gli Sbandieratori della Cavalcata
I Tamburini della Cavalcata
La Contesa del Pallino
Tiro per l'Astore
Tiro al Canapo
Hostarie
Cene di Contrada
Link
Gruppi Operativi
Album Fotografico
Archivio
Rassegna Stampa

www.FermoMia.it - Portale Foto-Turistico del fermano - Storia, cultura, folklore e tipicità da tutto il territorio fermano.

www.ItaliaMarche.com. - Portale Foto-Turistico dedicato alla Regione Marche - Storia, cultura, folklore e tipicità da tutto il territorio marchigiano.

Sito ufficiale della Regione Marche

Sito ufficiale - Associazione Marchigiana Rievocazioni Storiche

Sito ufficiale - Fédération Européenne des Fêtes et Manifestations Historiques

 
Home » Investitura Dei Priori


Investitura Dei Priori.

I Priori, espressione popolare, avevano un incarico di prestigio con attribuzioni molto vaste. Durante il loro ufficio dovevano dimorare nel palazzo destinato a loro residenza dal quale potevano uscire  solo per particolari motivi stabiliti dallo statuto: per malattia, per partecipazione a consigli generali e speciali, per ricevere qualche importante personaggio che si recava a Fermo, per la consegna  del vessillo della città al gonfaloniere di giustizia.

Essi dovevano vestire tutti in maniera uguale, con l’abito priorale. Con questi abiti i Priori di contrada venivano chiaramente identificati all’interno della comunità fermana. Insieme ad essi erano eletti inoltre il Podestà, che per imparzialità non doveva essere residente in città, il Gonfaloniere o Vessillifero di Giustizia ed il Capitano di Giustizia.
Questi personaggi erano eletti con un cerimoniale altamente spettacolare sia per i particolari del protocollo sia per le figure che vi concorrevano, creando un giusto equilibrio per l’epoca, fra laico ed eclesiastico, con una liturgia religiosa che sconfinava in un rituale civile denso d’emotività.

Essi erano mantenuti a spese del comune ed avevano una loro famiglia composta dai famigli, un cuoco e sei domicellos. Dovevano curare tutto ciò che riguardava il pacifico e buon andamento della cosa pubblica: nelle loro mani si concentrava gran parte del potere esecutivo, sottoscrivevano le lettere ufficiali apponendovi il sigillo della città. Potevano imporre bandi per materie che riguardavano l’ordine e la sicurezza dello stato. Potevano deliberare spese fino a  cinquecento libre di denari, previa autorizzazione dei regolatori e dei capitani delle arti. A loro erano indirizzate le domande di grazia  e a loro arbitrio spettava sottoporle al consiglio generale. Ogni venerdì dovevano dare pubblica udienza.

La cerimonia d'investitura dei Priori di contrada è uno dei momenti più importanti e significativi della rievocazione; infatti la cerimonia prevede che dalla cassa di legno portata nella piazza dagli armigeri del comune vengano estratti i bossoli recanti i nomi dei signori della città che avranno il dovere di amministrare la Contrada e a turno la Città.

 


A.D. 2013
I Priori che giureranno fedeltà
la sera del
2 agosto
in Piazza del Popolo

Contrada San Martino
Sergio Budel

Contrada Castello
Renzo Luciani

Contrada Fiorenza
Lorenzo Giacobbi

Contrada San Bartolomeo
Matteo Carboni

Contrada Pila
Luigi Pistolesi

Contrada Campolege
Diego Zappalà

Contrada Torre di Palme
Massimo Tramannoni

Contrada Capodarco
Paolo Gobbi

Contrada Molini Girola
Renzo Properzi

Contrada Campiglione
Marcella Simoni

 
© Copyright - Cavalcata dell'Assunta Città di Fermo - All rights reserved - Vietato ogni tipo di riproduzione non autorizzata.
WebMaster - EP Design in collaborazione con www.FermoMia.it